martedì 28 ottobre 2008

Emergenza sicurezza: verita' o propaganda?



Allora, si fa un gran parlare del fatto che l'emergenza sicurezza non esiste, che è solo una propaganda della destra "fascista".... poi però ci si imbatte sempre nei "dettagli".
Amici o colleghi con i loro punti di vista strettamente personali, ma per questo forse ancora più importanti della visione d'insieme del sistema Italia.
Non importa che l'aggressore fosse un marocchino oppure un comunitario, è il concetto di aggressione che fa paura.

Cito:

Ieri matina hanno aggredito la figlia di X (collega di Chiara, che tra parentesi sta partecipando alle selezioni di x-factor) al parcheggio della metro di vimodrone.
Lei ha protetto la borsa rifilando un calcione al marocchino che l'ha aggredita appena scesa dalla macchina e lui le ha rifilato un pugno in faccia
morale: guancia viola ma sembra nessuna frattura

Confermo il mio voto alla Destra. Ora e sempre.

2 commenti:

Gianluca Aiello ha detto...

In 5 anni di governo Berlusconi, più 1 di adesso, ti sembra che qualcosa sia cambiato? Ti sembra che si sia fatto qualcosa di realmente significativo per migliorare la percezione di sicurezza?
A me sembrano solo proclami che non possono essere tradotti perchè sanno benissimo quali sono i problemi da risolvere.
Di sicuro non è la riduzione del tempo di prescrizione che risolve i problemi ... almeno non quelli di Berlusconi e qualcun'altro interessato (anche del PD).

MassiGrassi ha detto...

Si però non è questo il succo del mio post.

Il mio discorso è che da una parte (la destra) non si fa mistero del fatto che la sicurezza è un problema e deve essere affrontato, dall'altra parte si accusano i media e chi ha votato a destra di ingigantire la questione.
E' chiaro che tra le due non posso che appoggiare chi come me pensa che le cose stiano peggiorando (che sia una sensazione oppure un dato di fatto le cose non cambiano).

Su quello che si può fare (oppure si è fatto in passato) è tutta una questione diversa.