giovedì 7 maggio 2009

Elezioni Provinciali di Milano sul we

Photo by Bossanostra

Girando per Milano con il tram mi è capitato di imbattermi più volte nei cartelloni per le elezioni della provincia. Su ognuno fa bella mostra il riferimento al proprio sito web.
Ho subito pensato che finalmente anche i nostri politici si fossero accorti della potenza comunicativa di internet. Wow!

Poi colto da raptus incontrollabile, arrivato in uffici,o sono andato subito ad aprire questi benedetti siti, queste le mie considerazioni:

Filippo Penati - http://www.penatipresidente.it/site/

Discreta realizzazione, l'idea è quella di un blog dove raccontare le gesta della campagna elettorale e perchè no, cercare anche il dialogo con il mondo della rete. Mi piace l'impostazione grafica e la struttura leggera ma vedo poca innovatività nella gestione. E' più un bollettino che non un luogo di dialogo o discussione.
Comunque per chi è alla ricerca di informazioni sul candidato può essere un buon inizio.

Aperto il 3 aprile 2009.

Funzionale.


Guido Podestà - http://www.podestapresidente.it/



AGGIORNAMENTO 20/05/2009:
Come segnalato da un commento al post, il 10 maggio è andato online il sito del candidato.
Ciò non toglie che sia arrivato con enorme ritardo rispetto ai concorrenti

Il sito è ben fatto anche se molto statico per i miei gusti. E' però un vero sito informativo in cui posso scoprire chi è il candidato, cosa ha fatto in questi anni e soprattutto il suo programma per la Provincia.
Altro elemento positivo è rappresentato (e mi sembra l'unico di tutti i siti che ho visitato) dalla spiegazione di quali sono le competenze della Provincia per cercare quindi di declinare il proprio programma all'interno degli effettivi spazi legislativi della Provincia.

Interessante.

Post originale 07/05/2009:
Arghhhh ... sito in allestimento ... arghhh.

Ma come ! Pubblicizzi il sito sui cartelloni, ti candidi alla provincia di Milano ed ad un mese dal giorno delle elezioni non hai ancora pronto un sito (almeno un sito vetrina bello statico).

Sono cascato dalla sedia. Non ci potevo credere.

Se questo nascesse da una posizione ragionata (anche se fuori dal mondo) del tipo "... di internet non mi frega niente, faccio la mia campagna in maniera solo tradizionale", potrei anche capire. Ma aprire un sito per pubblicare la foto del cartellone stradale ed una splendida scritta blu "sito in allestimento" mi fa uscire di cervello.

E' questo il modo in cui vogliamo coinvolgere i giovani elettori ? impedendogli di trovare le informazioni ed i pensieri dei propri candidati ?

Pessima figura.

Enrico Marcora - http://www.enricomarcora.com/marcora/


Anche qui un sito in versione blog anche se meno pulita di quella di Penati, però si vede che c'è sotto un certo lavoro di definizione dell'immagine e di cura dei dettagli.
Aperto il 14 aprile 2009.

Tradizionale.





Massimo Gatti -http://massimogatti.wordpress.com/

Il candidato di Rifondazione ha aperto da poco (4 maggio) un blog sotto il servizio di wordpress.com.
Poche informazioni, vista anche l'apertura recentissima ma almeno non manca la biografia.
All'insegna del "famolo in economia".


Che conclusioni posso trarre da questi 4 approcci all'utilizzo di internet per le elezioni ?

1) c'è ancora poca voglia di costruire un progetto comunicativo su internet valido. Ci vogliono buone idee e soldi, questo è vero, ma a mio avviso è ormai assolutamente uno strumento necessario per un candidato che voglia intercettare il voto dei giovani di oggi

2) forse non c'è la volontà di scolpire il proprio pensiero nel mare internet. Oggi qui sul mio blog scrivo qualcosa che penso e che sostengo, forse i politici di oggi non sono così certi delle loro idee da immortalarle nero su bianco. Peccato.

3) ma esistono realtà politiche che affrontano il canale internet in modo moderno ? Qualche mese fa ero andato a vedere il sito del giovane candidato a Sindaco di Firenze Matteo Renzi - http://www.renzi2009.it. Tanto materiale, spesso di marketing puro ma forte di un utilizzo dei vari servizi intelligente e calibrato.
Poi ci sono le tante realtà locali, un collega ad esempio è promotore di un blog cittadino e di un blog personale politico. Da qualche tempo hanno anche attivato una serie di interessanti video interviste ad associazioni ed enti locali.
Utilizzo dal basso delle tecnologie ... i politici professionisti dovrebbero far tesoro di queste esperienze per replicarle o per imparare dai loro eventuali errori.

5 commenti:

Gianluca Aiello ha detto...

Condivido pienamente la tua analisi dei siti dei candidati e anche i punti finali del tuo articolo.

Alessandro ha detto...

perfetta analisi, condivido anch'io le tue considerazioni.

p.s. il link al blog di Massimo Gatti è sbagliato. (è forse un boicottaggio! :D :D )

ciao

MassiGrassi ha detto...

Link sistemato ... nessun boicottaggio ... era un complotto di blogspot architettato alle mie spalle :-)

Giuido ha detto...

volevo solo avvisare che il sito di Podestà Presidente è andato on-line alla presentazione ufficiale del candidato (domenica 10 maggio)!

MassiGrassi ha detto...

@Giuido Bene. Meglio tardi che mai. Dopo lo vado a visitare per bene. Grazie.